Fabio Cantaro

Forum Chat Video Contattami
 
PFM PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabio Cantaro, WebMaster   
Venerdì 19 Dicembre 2008 19:08
La Premiata Forneria Marconi (abbreviato: PFM) è un gruppo musicale italiano del genere rock progressivo che ha avuto grande popolarità negli anni '70, sia in Italia sia a livello internazionale (in Gran Bretagna, negli Stati Uniti, ma anche in Giappone). Tra i gruppi italiani progressive di quel periodo, (Banco del Mutuo Soccorso, Stormy Six (gruppo musicale), Osanna, The Trip, Area, Perigeo, Le Orme, Opus Avantra, New Trolls), è stato l'unico ad avere un duraturo successo dentro e fuori i confini nazionali. Musicalmente imparentata con gruppi come i Genesis o i primi King Crimson, la PFM ha saputo evolvere il proprio stile anche nei decenni successivi grazie anche alle notevoli doti strumentali dei suoi componenti.

Negli anni sessanta si chiamavano "I Quelli": Il batterista Franz Di Cioccio, il chitarrista Franco Mussida, il tastierista Flavio Premoli e il bassista Giorgio "Fico" Piazza, componenti portanti del gruppo, erano tra i più richiesti musicisti di sala italiani: incidevano per Mina, Lucio Battisti, Fabrizio De André e tanti altri.

Nel 1970, fu l'abbandono della forma - canzone per passare a composizioni di taglio più elaborato: I Quelli cambiano quindi nome in Krel.

Fondamentale, per il passaggio da Krel a Premiata Forneria Marconi l'incontro da parte dei quattro musicisti con il violinista e flautista Mauro Pagani (proveniente dai Dalton), durante le registrazioni del disco La buona novella di Fabrizio De André.
Il nome del gruppo si deve a una forneria di Chiari (Brescia) frequentata da Pagani, a cui aggiunsero Premiata.

Con grande coraggio e intuizione la Premiata Forneria Marconi, anche grazie all'impresario Franco Mamone e a Francesco Sanavio, iniziò una proficua attività come gruppo di supporto nei concerti italiani di alcune delle grandi band straniere dell'epoca: i Procol Harum, gli Yes e i Deep Purple. Fu tramite queste esibizioni che la PFM ebbe modo di farsi conoscere dall'allora grande popolo degli appassionati di rock.

Nel 1971 uscì il primo disco della Premiata Forneria Marconi, il singolo Impressioni di settembre / La carrozza di Hans, seguito all'inizio del 1972 dall'album Storia di un Minuto. Il brano Impressioni di Settembre (di Mussida e Pagani su testo di Mogol) divenne presto uno dei loro cavalli di battaglia e un classico della musica italiana. Il gruppo decise di incidere il disco in presa diretta in studio, per non perdere l'impatto e l'energia trasmessa dalle loro già celebri esibizioni live. Tra l'altro proprio con questo album per la prima volta in Italia venne utilizzato il Minimoog. Pare che ai quei tempi nemmeno la Premiata Forneria Marconi potesse permetterselo, così che ebbe in prestito l'unico esemplare in possesso dell'importatore italiano.

Alla fine del 1972 uscì il secondo, Per un amico. La musica era più complessa, più elaborata, più vicina al rock progressivo che si suonava in Inghilterra in quel periodo. Il 20 dicembre di quell'anno, durante un concerto a Roma la PFM fu ascoltata dal bassista e cantante Greg Lake degli Emerson, Lake & Palmer che, entusiasta, li portò a Londra al cospetto di Pete Sinfield, paroliere e ispiratore dei King Crimson e poi produttore dei Roxy Music.

Il successo internazionale

Pete Sinfield decise di scrivere i testi inglesi dei pezzi della Premiata Forneria Marconi e di produrli per il mercato internazionale. Decise anche di ridurre il nome del gruppo in PFM, più facile dell'impronunciabile, per gli anglofoni, nome originale. Qui incisero una edizione in lingua inglese del secondo disco Per un amico, intitolata Photos of Ghosts.

Il singolo Celebration (versione inglese di È festa) ebbe un notevole successo radiofonico grazie anche al bellissimo riff di sintetizzatore che divenne il marchio di fabbrica del gruppo. Il 26 agosto la PFM si esibì con grande successo al Reading Festival, il più importante evento rock inglese dell'epoca (lo stesso giorno si esibirono i Genesis e i francesi Magma).

Dopo l'esibizione di Reading, Photos of Ghosts entrò sia nella classifica britannica che, inaspettatamente, in quella americana di Billboard.

La PFM partì quindi per il suo primo tour americano, da cui fu tratto nel 1974 il primo album live ufficiale del gruppo, Cook (pubblicato in Italia come Live in Usa).
Suonarono per 50 date negli USA e si esibirono anche in concerti trasmessi alla televisione. Fu questo il momento magico della PFM, il gruppo rock italiano che ebbe maggior successo nel mondo.

Nel 1975 entrò in organico il cantante Bernardo Lanzetti (la PFM, in effetti, non aveva un vocalist di ruolo) con cui iniziò a registrare il nuovo disco, il quarto, intitolato Chocolate Kings.

lla fine del tour promoziale del disco, questa volta realizzato solo in versione inglese, la PFM suonò alla Royal Albert Hall di Londra davanti alla Regina Madre. In quel periodo, inoltre, il gruppo ottenne un grande successo, anche commerciale, in Giappone, dove si recò per una fortunata serie di concerti. In seguito la PFM tornò negli Stati Uniti e in Gran Bretagna per un nuovo tour. Chocolate Kings, accolto tiepidamente oltreoceano, ebbe invece grande successo nel mercato britannico.

Nel 1979 la PFM incontrò Fabrizio De André e insieme realizzarono un tour da cui verrà tratta una fortunata coppia di album dal vivo (celeberrima la versione, arrangiata in chiave progressive, de Il pescatore).

 Formazione attuale

    * Franz Di Cioccio - batteria, percussioni e voce
    * Patrick Djivas - basso
    * Franco Mussida - chitarra, voce

Collaboratori abituali

    * Lucio Fabbri - violino, tastiere e chitarra
    * Gianluca Tagliavini - tastiere
    * Pietro Monterisi - secondo batterista

Ex componenti ed ex collaboratori

    * Giorgio Piazza - basso
    * Mauro Pagani - flauto, violino e voce
    * Bernardo Lanzetti - voce
    * Greg Bloch - violino
    * Walter Calloni - secondo batterista
    * Vittorio Cosma - tastiere
    * Flavio Premoli - tastiere, voce
    * Roberto Gualdi - secondo batterista
    * Sergio Pescara - secondo batterista
    * Lucrezio de Seta - secondo batterista
    * Roberto Colombo - tastiere
    * Damiano Della Torre - Tastiera

 

Celebration

 

 

Commenti

Please login to post comments or replies.
Ultimo aggiornamento Venerdì 19 Dicembre 2008 19:58
 

Cookie, Privacy e Attivita':

Questo è un sito personale con contenuti prevalentemente di natura didattica e culturale, no-profit, non viene finanziato o sponsorizzato da nessuno, non è vicino ad alcuna corrente politica, non contiene pubblicità commerciale e non viene aggiornato con periodicità regolare, ma in relazione alla disponibilità del suo curatore (Prof. Fabio Cantaro). Il sito fa uso di Cookie Tecnici. Leggi informativa Privacy e Cookies


[+]
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size

INFORMATIVA - Questo sito utilizza solamente cookie tecnici - ma ospita pure servizi esterni e quindi cookie di terze parti. Pur non utilizzando Cookies di profilazione si desidera comunque informarne l'utente. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai click sul link a informativa estesa. INFORMATIVA ESTESA.

Accetto i cookies da questo sito web: .

EU Cookie Directive Module Information